Si basa sui metodi di indagine di tipo indiretto che possono essere efficacemente utilizzati per scopi glaciologici, principalmente per la definizione dei confini e le valutazioni dei volumi dei corpi glaciali, elementi che non sempre è agevole determinare con mezzi diretti. Tra le tecniche geofisiche che possono contribuire all’esplorazione dei ghiacciai vi sono: la geoelettrica, il georadar, la gravimetria e la sismica a rifrazione e/o riflessione (Merlanti et alii-La geofisica come supporto allo studio glaciologico: esempi di applicazione su alcuni ghiacciai alpini)